venerdì , 19 luglio 2019

Home » Osservatorio » Afas lancia la campagna sociale “Solidarietà, oltre le sbarre”

Afas lancia la campagna sociale “Solidarietà, oltre le sbarre”

solidarietà oltre le sbarreLo scorso febbraio presso la Casa Circondariale di Capanne (PG) è stata presentata la campagna sociale “Solidarietà, oltre le sbarre”, un progetto promosso da AFAS (Farmacie Comunali di Perugia) che ha lo scopo di raccogliere prodotti per l’igiene personale dei detenuti.

La Campagna Sociale di Solidarietà vede la collaborazione di altre realtà istituzionali ed Associative del territorio, quali l’Assessorato alla Coesione e Servizi Sociali del Comune di Perugia, la Casa Circondariale di Capanne (Perugia) e l’Associazione “Il Samaritano” (partner del progetto Zero Waste ndr).

“Afas, tra i suoi impegni statutari, ha il dovere di vigilare e favorire la salute ed il benessere dei cittadini, attraverso la promozione di campagne sociali – affermano il Presidente Giancarlo Bazzucchi ed il Direttore Generale Raimondo Cerquiglini – e lo fa rispettando i principi ed i valori che la contraddistinguono come indicati nella nostra Carta dei Servizi”. “AFAS sostiene convintamente il progetto “Solidarietà, oltre le sbarre” mettendo a disposizione dei cittadini, in ciascuna farmacia, oltre al materiale informativo, alcuni contenitori personalizzati per la raccolta dei vari prodotti”, continua il Direttore Generale Cerquiglini, “l’obiettivo di Afas è da sempre anche quello di operare a sostegno degli individui in difficoltà, senza alcun pregiudizio”.

“Purtroppo spesso manca l’essenziale”, puntualizza la Direttrice Di Mario della Casa Circondariale di Capanne, “prodotti come sapone, doccia e bagno schiuma, shampoo, detergenti intimi, deodoranti, schiuma da barba, salviette igieniche, filo interdentale, dentifrici, spazzolini, colluttorio e altro fanno parte della realtà quotidiana di ognuno di noi, ma qui in carcere possono essere di difficile reperibilità, soprattutto negli ultimi tempi”.

“Il Comune di Perugia”, aggiunge l’Assessore Andrea Cernicchi, “è da sempre in prima fila per aiutare chi è nelle condizioni di non poter provvedere a sé stesso in autonomia né di avere un supporto esterno, e questo vale anche per i detenuti del carcere di Capanne, senza distinzione. Non possiamo semplicemente girarci dall’altra parte, dobbiamo tutti contribuire affinché la dignità di ogni individuo sia salvaguardata”.

Grazie al lavoro dell’Associazione “Il Samaritano”, il messaggio sarà diffuso capillarmente su tutto il territorio, attraverso i Volontari presenti nelle 14 farmacie dell’Afas, che si occuperanno anche della raccolta dei prodotti offerti dalla generosità dei cittadini, portandoli a destinazione.

Fonte: www.afas.it

scroll to top